Puoi seguirci anche su Facebook: www.facebook.com/tuscianatura

/// La Lombricoltura

lombricoltura 3

La lombricoltura è un metodo che permette di trasformare i rifiuti di natura organica (letami, erba, fogliame, residui di potatura, scarti dell’orto, carta, cartone, segatura, umido da cucina, ecc.) in terriccio con un processo ecologico, naturale al 100%. Il lombrico, che si alimenta di tutto ciò che marcisce, accelera la trasformazione degli scarti: li rende inodore e li arricchisce coi suoi succhi gastrici. I prodotti finali della lombricoltura sono: Humus, Vermicompost e Lombrichi.

TOTALE RISPETTO DELL’ECOSISTEMA.

  1. La trasformazione ecologica di qualsiasi materiale organico biodegradabile consente una diminuzione della quantità di rifiuti da mandare in discarica.
  2. L’impiego del lombrico in zootecnia permette di trasformare i letami e gli scarti degli allevamenti in ottimo humus.
  3. L’utilizzo dell’humus in agricoltura consente una drastica riduzione di sostanze e composti chimici.

 

prezzi lombrico per la pesca

VENDITA DI LOMBRICHI PER LA PESCA.
Il lombrico è stato da sempre utilizzato nella pesca, molto prima che comparisse il Bigattino e, nonostante la rapida diffusione di quest’ultimo, resta sempre una delle esche più valide per la pesca a passata.

IL LOMBRICO.

Il lombrico è un anellide appartenente alla sottoclasse oligochaeta I lombrichi strisciano nel terreno, inghiottendo il terriccio e digerendone le componenti organiche. Per questa ragione svolgono un ruolo molto importante nell’aerazione dei terreni e nella formazione dell”humus sul lato superiore del canale digerente è presente una doccia, detta tisflosole, che permette un miglior rimescolamento del terriccio e fornisce una superficie maggiore per l’assorbimento delle sostanze nutritive. I lombrichi sono ermafroditi. Gli apparati riproduttori maschili e femminili si trovano in segmenti diversi. Un ispessimento detto clitello, ricco di ghiandole mucipare, permette l’adesione dei due individui, che si accoppiano disponendosi in versi opposti. Possono riprodursi asessualmente rigenerando le parti mancanti nel caso in cui il corpo venga spezzato in varie parti. Se sufficientemente grande, dai metameri possono ricrescere tutti gli organi vitali. Depongono da 1000 a 1500 uova ogni quattro mesi.